Lo sciatore “potente”: ripensare il mentale nello sci alpino

Un approccio educativo alla prestazione umana, date le caratteristiche dello sci alpino, è un approccio “a lungo termine” e che tiene conto della natura relazionale della persona-atleta, del suo essere in contesto (approccio ecologico).

Non esistono vie brevi o approcci sintetici al mentale, né schematismi o rappresentazioni, se non in chiave didattica.

Un approccio educativo al mentale è inoltre un approccio che tiene conto della natura integrativa e integratrice dell’essere umano, che si esprime nell’influenza reciproca di dimensioni diverse.

La meta di qualsiasi percorso educativo o formativo, anche nello sport, è sempre uno sviluppo globale della persona umana, attraverso un rafforzamento delle competenze e dell’identità.

Anche quando il processo è orientato verso un risultato e un obiettivo particolare, il self empowerment – come ricorda Stefano Gheno – è comunque una meta-competenza, il cui ambito d’azione è quello della generatività; rendendo la persona non solo capace di gestire efficacemente un compito, ma più capace di generare possibilità per sé e per altri.

Leggi al link https://www.scimagazine.it/lo-sciatore-potente-ripensare-il-mentale-nello-sci-alpino/

art. correlato Lo sciatore “potente” 2: un profilo